IMPRENDITORI E LAVORATORI UNITI NELLA PRIMA MESSA “FRATELLI TUTTI”

In occasione della Festa del Lavoro del Primo Maggio, l’associazione San Giuseppe Imprenditore – ASGI e la Compagnia della Buona Impresa, sotto l’egida della Congregazione degli Oblati di san Giuseppe e con il patrocinio della Camera di commercio e della Provincia di Asti, hanno promosso e organizzato l’evento culminato nelòla celebrazione della santa messa “Fratelli Tutti”, alla quale hanno aderito tutte le organizzazioni datoriali e sindacali provinciali astigiane. La celebrazione, presieduta dal cardinale Peter Turkson, cancelliere della pontificia Accademia delle scienze sociali, si è svolta sabato 30 aprile nella sacra cornice del santuario di san Giuseppe, presso la casa madre degli Oblati.  L’iniziativa, ispirata all’enciclica di Papa Francesco e allo scopo di favorire una reale unità d’intenti attorno al tema del lavoro festeggiato la domenica 1° maggio, nasce dall’attività culturale e solidale dell’associazione San Giuseppe Imprenditore, che ad Asti ha già promosso il premio Impresa Etica, come spiega il presidente Lorenzo Orsenigo: «Noi crediamo nella figura storica di san Giuseppe non solo padre putativo e custode di Gesù, ma anche piccolo imprenditore artigiano nella Nazareth di duemila anni fa. Il nostro compito è far sapere a tanti imprenditori che Giuseppe e Gesù sono stati loro colleghi e che la figura di chi crea lavoro avviando e conducendo un’azienda è fondamentale anche nell’economia della salvezza. Ecco perché vogliamo condividere la festa del lavoro con tutti coloro che del lavoro sono protagonisti e non antagonisti: imprenditori, partite Iva, lavoratori e tutte le organizzazioni che lo rappresentano». Nella sua omelia, il cardinal Turkson ha ribadito che «oggi la Chiesa non punta più il dito contro gli imprenditori, ma anzi li considera coprotagonisti nella creazione del lavoro, dimensione autentica ed espressione concreta della dignità umana». «Nel travaglio di questo tempo così problematico, tutte le realtà che operano all’interno del mondo del lavoro si incontrano nella memoria liturgica di san Giuseppe artigiano e, convergendo insieme, invocano l’aiuto del “Falegname di Nazaret” per guardare verso nuovi orizzonti», ha aggiunto padre Luigi Testa, assistente spirituale ASGI. E senza confondere ruoli e valori, come ha ricordato Orsenigo: «L’ASGI e la Compagnia della Buona Impresa cercano anche di abbattere i muri inutili che spesso dividono le persone nei luoghi di lavoro. La festa del lavoro è di tutti i lavoratori, nessuno escluso, quindi festeggiamola insieme salvaguardando abitudini e tradizioni, per confermare e valorizzare il clima collaborativo che nella stragrande maggioranza delle imprese regna tutto l’anno».

Be the first to comment

Leave a comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: